Herpes durante la gravidanza - il pericoloso e come trattare

L'herpes è un'infezione cronica diffusa. L'herpes durante la gravidanza è pericoloso se l'infezione si è verificata dopo il concepimento. L'infezione della donna o le ripetute recidive della malattia compaiono sullo sfondo di una ridotta immunità. Cos'è l'herpes pericoloso per una donna incinta? E come trattare eruzioni vesciche durante la gravidanza?

Herpes durante la gravidanza: i tipi e le caratteristiche del virus

L'agente eziologico dell'herpes è un virus. Per sua natura, è un parassita intracellulare che richiede cellule del corpo umano per la riproduzione. Esistono diversi tipi di infezione da herpes a cui una persona è suscettibile. Di questi, i più comuni sono i virus herpes simplex e la varicella. I meno noti sono i virus di Epstein-Barr, il citomegalovirus, gli pseudorasmi.

L'infezione da virus dell'herpes può causare una reazione acuta. Potrebbe anche essere asintomatico. La natura della reazione (acuta o impercettibile) dipende dall'immunità umana. Una forte immunità prende rapidamente il controllo del virus invasore e ne limita la riproduzione (ricorda che l'herpesvirus è un parassita intracellulare che invade il corpo umano a scopo di riproduzione). Con una forte immunità, i sintomi visibili dell'infezione possono non apparire o apparire debolmente (nella forma di piccole eruzioni cutanee senza febbre e malessere generale).

Con un sistema immunitario debole forma a lungo la risposta immunitaria. Il processo di riconoscimento del virus e la produzione di anticorpi per combatterlo richiede diversi giorni. Durante questo periodo, l'herpes ha il tempo di diffondersi e formare una vasta eruzione cutanea. Dopo qualche tempo, il corpo prende il virus sotto controllo e limita la sua ulteriore riproduzione, la comparsa di nuove eruzioni cutanee. Inizia la fase di guarigione e di guarigione delle ferite.

Infezione primaria da herpes

La reazione più acuta è causata dall'infezione primaria con ridotta immunità. In questo caso, formato:

  • febbre alta;
  • intossicazione generale e malessere generale;
  • tasche rotonde di eruzione bollosa che prude e ferisce allo stesso tempo.

Dopo 2-3 dopo l'eruzione, le bolle scoppiano, le bolle vicine si fondono in una ferita comune e si coprono di una crosta. Dopo altri 3-4 giorni la crosta si asciuga, a questo punto si forma una nuova pelle sotto la crosta. Arrestano ulteriori eruzioni cutanee. Un simile corso di sviluppo della malattia suggerisce che il sistema immunitario abbia reagito e che la riproduzione del virus sia presa sotto controllo.

Con una risposta immunitaria insufficiente, la ferita non guarisce. Da sotto la crosta che trasuda fluido (essudato), l'eruzione si diffonde ad altre aree della pelle.

Manifestazione secondaria di infezione

Le manifestazioni secondarie di infezione non sono così acute come la prima. Si chiamano ricadute. Le infezioni secondarie si formano sullo sfondo di un temporaneo declino dell'immunità in presenza di infezione cronica da virus (tutti coloro che hanno contratto l'herpes diventano portatori permanenti di questo virus).

Il parassita intracellulare si deposita nelle cellule del midollo spinale (neurociti) e viene immagazzinato in una forma inattiva (latente). Forte immunità: la controlla e non consente la riattivazione. L'immunità ridotta non è in grado di controllare il virus. Si "sveglia" e si riproduce attivamente. Sulla pelle di una persona appena formata macchie rotonde di eruzioni vesciche.

Le recidive di herpes si formano con una diminuzione dell'immunità (durante il raffreddore, l'infiammazione di altri organi, l'avvelenamento, la gravidanza, le mestruazioni, ecc.). Alcune persone con ogni raffreddore - sul labbro appaiono pruriginose vesciche. E nelle donne, l'herpes spesso "si sveglia" durante le mestruazioni o la gravidanza.

Infezione da virus durante la gravidanza: buona o cattiva?

L'herpes nelle donne in gravidanza è pericoloso per il bambino durante l'infezione iniziale. Al primo contatto con l'infezione nel corpo della madre, non ci sono ancora organi immunitari per controllarlo, quindi l'herpes penetra attraverso la barriera placentare nel sangue del feto. La probabilità che il virus entri nel sangue fetale durante l'infezione iniziale di una donna durante la gravidanza è del 60%.

L'attivazione secondaria del virus si verifica in presenza di anticorpi. Pertanto, le manifestazioni secondarie di infezione non sono così estese e non così pericolose per lo sviluppo del feto. La protezione immunitaria funziona più velocemente e in modo più efficace protegge il bambino non nato dalle infezioni. Quando la recidiva, la probabilità di infezione del feto è del 5%.

Inoltre, il vettore del virus e la presenza di anticorpi nel sangue della madre forniscono al bambino una protezione contro l'infezione nei primi mesi di vita. Dal sangue materno, i corpi immunitari vengono trasferiti nel sangue del bambino. Così, nel periodo iniziale della vita, il bambino è protetto dalle infezioni, con l'infezione tollera facilmente la malattia, forma con successo il proprio corpo immunitario per combattere il virus.

Herpes durante la gravidanza: localizzazione delle lesioni

La localizzazione dell'herpes eruzione cutanea (il luogo del suo aspetto) è determinata dal tipo di virus:

  • L'herpes simplex durante la gravidanza - si trova sotto forma di eruzioni cutanee arrotondate sulla pelle del viso o intorno ai genitali. Se l'eruzione si trova sul viso, si tratta di un virus del primo tipo o HSV-1. Se l'eruzione cutanea è localizzata attorno all'ano e ai genitali, si tratta di un virus del secondo tipo o HSV-2. Il primo tipo di herpes è chiamato labiale o orale. E il secondo - genitale o sessuale. L'herpes genitale durante la gravidanza crea la possibilità di infettare un bambino sia durante la gravidanza che durante il parto.
  • L'herpes zoster durante la gravidanza forma estese eruzioni cutanee su tutto il corpo - più spesso sui lati del corpo, meno spesso - attorno ai fianchi e alle gambe, o agli avambracci e alle mani. Nell'infezione iniziale, l'herpes zoster è una conosciuta varicella. Con ripetute recidive - herpes zoster.
  • Cytomegalovirus durante la gravidanza - non forma un'eruzione cutanea. Il suo aspetto è accompagnato da febbre e sintomi di un'infezione da freddo (influenza) e la diagnosi viene effettuata mediante esami del sangue di laboratorio.
  • Anche il virus Epstein-Barr procede senza eritemi. Forma una mononucleosi infettiva.

E ora - in modo più dettagliato sulla localizzazione dell'eruzione da herpes in vari tipi di infezione da herpes.

Eruzione di bolle sul viso

Più spesso di altri herpes durante la gravidanza si manifesta sul volto di una donna. Questa è la bocca o l'herpes labiale. Durante la gravidanza, può anche formare un'eruzione cutanea su spalle, collo e décolleté.

La frequenza delle eruzioni cutanee sul viso a causa dell'infezione diffusa. Il tipo labiale di herpes ha infettato il 95% della popolazione dei paesi sviluppati. La maggior parte delle donne contraggono l'infezione sin dall'infanzia, quindi il 95% delle donne in gravidanza sono portatrici

virus. La ricorrenza dell'herpes durante la gravidanza è favorita da una diminuzione fisiologica dell'immunità, che si forma durante la gravidanza per vari motivi (vedi sotto).

Spesso il virus ha macchie "preferite" di eruzione cutanea (con ricadute, le bolle compaiono sulle stesse aree "tradizionali" della pelle). Ad esempio, l'herpes facciale sul labbro durante la gravidanza appare sul bordo esterno delle labbra, negli angoli della bocca o all'interno della bocca - sulla membrana mucosa. Può anche apparire sotto il naso, sulle guance o sulla cornea dell'occhio (l'herpes oftalmico è una delle complicanze più gravi dell'infezione). Inoltre provoca disagio di herpes sotto il naso. Durante la gravidanza, si verifica spesso sullo sfondo di raffreddori e naso che cola.

Sfogo ai genitali

Eruzioni cutanee nell'area genitale sono meno comuni rispetto alle aree aperte del corpo. Tale eruzione è il risultato del virus dell'herpes del secondo tipo (genitale). L'infezione da questo virus si verifica durante i rapporti sessuali, è un'infezione trasmessa sessualmente.

L'infezione da HSV-2 non è così comune. Solo il 20% della popolazione è infetto da questo tipo di herpes. Pertanto, per la maggior parte delle donne in gravidanza, l'herpes genitale durante la gravidanza è un grave pericolo (a causa dell'assenza di anticorpi contro questo tipo di infezione).

Ampia eruzione cutanea su tutto il corpo e la varicella

La varicella, nota a tutti, è il terzo tipo di infezione da herpes o il virus Zoster. Questa malattia è diffusa, molte donne hanno avuto la varicella durante l'infanzia. Pertanto, il virus non rappresenta un pericolo per il loro bambino uterino (ci sono corpi immuni nel sangue di una donna che contrastano il virus della varicella).

Se non c'è la varicella nella storia della donna, può essere infettata da essa durante la gravidanza. Con l'infezione primaria in 1 trimestre, la probabilità di patologia è del 5%. Nei trimestri successivi, la probabilità di patologie diventa ancora più piccola. Pertanto, di norma, la varicella o lo zoster non danneggiano il feto nel grembo materno.

La ricaduta della varicella si forma principalmente negli anziani. Con immunità molto bassa - può apparire in una donna incinta. Si chiama fuoco di Sant'Antonio (ha la forma di ampie tegole attorno al corpo o intorno alle spalle, ai fianchi).

Quando la localizzazione delle herpes della varicella ricorrente è determinata dalla produzione di terminazioni nervose sulla superficie della pelle. Pertanto, l'herpes post-vento nelle donne in gravidanza è sempre esteso e molto doloroso.

Che cos'è l'herpes pericoloso durante la gravidanza: complicanze e patologie

Per un bambino che si sviluppa nell'utero, l'infezione primaria con il virus dell'herpes durante la gravidanza è pericolosa. Qual è l'herpes pericoloso durante la gravidanza per un bambino? Elenchiamo le patologie che si possono formare quando un feto viene infettato attraverso la barriera placentare:

  • L'herpes durante la prima gravidanza nel 30% dei casi forma un aborto spontaneo. Il fallimento di un aborto è possibile (mancato aborto - quando il feto muore nel grembo materno, ma non si verifica aborto).
  • Se la gravidanza viene preservata, possono esserci difetti nello sviluppo fetale (disturbi nella formazione del cervello e del sistema nervoso - paralisi cerebrale, epilessia, cecità e sordità, difetti cardiaci, anomalie fisiche).
  • L'herpes primitivo in una donna incinta nel 3 ° trimestre nel peggiore dei casi può causare la morte uterina e la nascita di un bambino morto o la morte improvvisa di un bambino dopo la nascita (il 70% dei bambini infetti muoiono). Nel migliore dei casi, l'infezione primaria provoca la nascita prematura (finiscono con il 50% delle infezioni nel 3 ° trimestre).

Il più grande pericolo è l'herpes genitale durante la gravidanza durante il primo contatto con questo tipo di virus. Durante l'infezione iniziale nel 1 ° e 2 ° trimestre di gravidanza (da 1 a 6 mesi) - l'infezione da herpes genitale è un indicatore di aborto.

L'herpes genitale durante la gravidanza è meno pericoloso se la madre è portatrice. In questo caso, la probabilità di infezione durante la gravidanza non supera il 7%. Il più grande pericolo di infezione appare più tardi - durante il parto. Pertanto, la recidiva dell'herpes genitale durante la gravidanza è un'indicazione per il parto cesareo.

Qual è il rischio di infettare un bambino con l'herpes genitale durante il travaglio?

  • Nel 45% dei bambini si formano lesioni cutanee e corneali.
  • 35% - malattie del sistema nervoso centrale con successiva morte.

Immunità ridotta

La ricaduta o la riattivazione di un'infezione erpetica avviene sempre in mezzo alla immunosoppressione. In gravidanza, l'indebolimento delle reazioni immunitarie è chiamato fisiologico ed è considerato normale. È formato per i seguenti motivi:

  • L'immunità diminuisce con l'introduzione di un ovulo fecondato nel rivestimento uterino - al fine di evitare il rigetto dell'organismo "alieno".
  • Immunità ridotta nel 2 ° e 3 ° trimestre si verifica a causa della mancanza di vitamine che vengono attivamente spese durante lo sviluppo del feto.

Trattamento dell'herpes durante la gravidanza

Oggi non esiste una medicina universale che salvi in ​​modo permanente una donna dalle eruzioni cutanee. Per la salute di una donna incinta e del suo bambino, è meglio essere portatore del virus e avere un piccolo titolo anticorpale nel test del sangue. E per questo è necessario mantenere l'immunità ad alto livello. Ma cosa succede se l'infezione è ancora avvenuta?

Trattamento dell'herpes in donne in gravidanza usando l'azione antivirale comprovata di farmaci. Aiutano il sistema immunitario a prendere il controllo del virus e riducono la probabilità della sua trasmissione al bambino uterino.

Inoltre, il feto è monitorato. Con lo sviluppo di evidenti difetti, si raccomanda alla donna di interrompere la gravidanza. In futuro, per portare un bambino sano, è necessario effettuare un trattamento antivirale prima della gravidanza (al fine di ridurre l'attività del virus, che si tradurrà in una diminuzione del titolo anticorpale).

Herpes in gravidanza: farmaci per il trattamento dell'infezione

Diamo le caratteristiche dei farmaci più noti che possono trattare l'herpes in donne in gravidanza.

aciclovir

L'aciclovir è una medicina erboristica specifica. Se ingerito, blocca la riproduzione dei virus (replicazione del DNA virale) senza danneggiare le cellule umane.

L'aciclovir supera facilmente la barriera placentare, entra nel sangue fetale e nel latte materno. Se necessario, è usato per trattare le donne in gravidanza e in allattamento, ma l'ammissibilità del suo uso durante la gravidanza non è stata completamente studiata. Quando si trattano donne incinte, viene data preferenza agli agenti esterni (unguenti). Il trattamento interno è prescritto solo per infezione primaria o recidiva estesa.

Sulla base di acyclovir ha prodotto un gran numero di preparazioni farmaceutiche. Ecco alcuni di loro: forma compressa - Gerpevir, Zovirax, Vivorax, crema e unguento - Acic, Herperax, Zovirax. Con il trattamento a lungo termine, i virus herpetic formano una resistenza all'azione di aciclovir. Pertanto, i farmaci basati su di esso sono efficaci solo nell'applicazione iniziale.

panavir

Panavir è una preparazione di origine vegetale (fatta sulla base di un estratto di piante solanacee). Il suo uso è consentito nei 2 e 3 trimestri di gravidanza in presenza di esacerbazione o infezione primaria. Il farmaco è efficace contro l'herpes semplice e il citomegalovirus. Disponibile sotto forma di supposte e gel.

Acyclovir generico

Famvir è uno dei più efficaci jerenir dell'aciclovir. La sua ammissibilità per le donne incinte non è stata dimostrata, pertanto Famvir è usato solo quando la vita minaccia la madre o il feto in via di sviluppo.

Vietato accettare donne incinte - Ganciclovir, Foscarnet.

Stimolanti dell'immunità

Gli stimolanti dell'immunità aumentano le risposte immunitarie e forniscono una produzione accelerata di anticorpi nel corpo di una donna. Tra gli stimolanti più comuni e studiati ci sono le supposte rettali Viferon e il loro analogo è Genferon. Sono consentiti per l'uso durante la gravidanza dopo 14 settimane - sia per il trattamento che per la prevenzione delle ricadute. Le raccomandazioni per il trattamento di Viferon nel primo trimestre non sono disponibili (non esiste un database sufficiente in grado di confermare la sicurezza del farmaco).

Recensioni di trattamento

Svetlana K., Nizhny Novgorod Eruzione durante la gravidanza - il medico ha prescritto Panavir. Preoccupato per il trattamento, l'eritema passa, ma lentamente.

Karina, Aktobe Ho un'eruzione sul labbro, termine B - 14 settimane. Il medico prescritto supposte rettali Viferon, ha detto che l'eruzione cutanea non è stata estesa, tale trattamento sarebbe stato sufficiente.

Alina K., Mosca Il mio herpes compare sempre durante la malattia. Prima che l'eruzione inizi a prudere e ferire in un punto sul labbro. Se il freddo è forte, altre bolle appaiono vicino al labbro. Trattare al momento dell'eruzione è di scarso effetto, quasi nulla aiuta. Ma se si prendono gli stimolanti dell'immunità in anticipo, allora un'eruzione appare meno frequentemente. Ho messo le candele a Viferon in autunno e i primi due mesi di inverno non erano malati.

Tutte le informazioni sono fornite solo a scopo informativo. E non è un'istruzione per l'auto-trattamento. In caso di malessere, contattare il medico.

Herpes durante la gravidanza: un pericolo per la madre e il bambino

Il fatto che un tale herpes, la maggior parte delle persone conosce in prima persona. Dopo tutto, i portatori di questo virus sono oltre il 90% della popolazione mondiale. Spesso è l'aggravamento dell'herpes durante la gravidanza. Ma come sono trattate le donne "in posizione" e il virus è pericoloso per un bambino in via di sviluppo?

Elena Trifonova
Ostetrico-ginecologo, Mosca

L'infezione erpetica è una malattia virale che si manifesta come una caratteristica eruzione cutanea di bolle raggruppate sulla pelle e sulle mucose. Una volta nel corpo umano, il virus lo parassita per tutta la sua vita, integrandosi nell'apparato genetico delle cellule nervose. Per molto tempo, il virus potrebbe non manifestarsi. Oltre all'aggravamento, "sonnecchia" nei gangli nervosi, in attesa di condizioni favorevoli. Dopo tutto, il corpo umano in uno stato normale e in buona salute di solito sopprime un nemico nascosto. Esacerbazioni si verificano quando l'immunità è indebolita - per raffreddori, malattie infiammatorie, ipotermia, stress, carenze vitaminiche e durante la gravidanza. In questo caso, il virus inizia a moltiplicarsi attivamente, arriva sulla pelle e sulle mucose, causando eruzioni cutanee specifiche. Durante questo periodo, una persona può infettare altre persone: il virus viene secreto dalla pelle colpita, con saliva, urina e perdite vaginali.

I sintomi dell'herpes durante la gravidanza

Il più grande pericolo durante la gravidanza è l'herpes genitale. Su di lui e parla più in dettaglio. L'herpes genitale di solito appare 3-14 giorni dopo che il virus entra nel corpo umano, il più delle volte in circa una settimana. A volte non si fa sentire, e la maggior parte delle vescicole spesso dolorose e pruriginose compaiono sulla pelle o sulla membrana mucosa e quindi sulle ulcere, che poi si ricoprono di una crosta. Le dimensioni delle bolle 2-3 mm, si versano, di regola, un gruppo che prende da 0,5 a 2,5 cm della superficie interessata. Questo stadio della malattia non dura a lungo (2-3 giorni), quindi le bolle scoppiano e le ulcere si formano al loro posto. Sono coperti con una fioritura gialla, quindi guariscono completamente entro 2-4 settimane. Se si unisce un'infezione secondaria, le ferite potrebbero non andare via per molto tempo. Oltre alle lamentele di prurito, dolore e bruciore, a volte c'è una pesantezza nell'addome inferiore, minzione frequente e dolorosa.

In alcuni casi, sono assenti lesioni specifiche. La malattia può manifestarsi con secrezioni dell'apparato genitale, prurito, bruciore, screpolature nell'area genitale, gonfiore. In questa variante dell'herpes genitale, la malattia è simile a quella del mughetto normale, che può portare a un trattamento scorretto se automeducante senza una diagnosi preventiva.

È interessante notare che oltre la metà di tutti i pazienti con herpes genitale non conoscono la loro malattia. In questo caso, sono portatori nascosti di herpes, quando non ci sono sintomi della malattia, ma il virus viene rilasciato attivamente dal tratto genitale femminile. In questo caso, è una potenziale fonte di infezione del partner, così come il bambino durante il parto.

Le persone con un buon sistema immunitario tollerano più facilmente un'infezione erpetica, spesso hanno una forma latente. Ma con una diminuzione dell'immunità, la malattia è più spesso grave, prolungata.

In modo che il bambino non ottiene l'herpes
Ai neonati viene prescritto un trattamento antivirale nei seguenti casi: se prima la madre si ammalava di herpes poco prima del parto e per qualche motivo non poteva avere un taglio cesareo o se l'operazione veniva eseguita 4-6 ore dopo la rottura delle membrane del bambino.

Herpes durante la gravidanza: qual è il pericolo?

La diagnosi tempestiva dell'herpes nelle donne in gravidanza è estremamente importante, poiché vi è il rischio di una grave infezione intrauterina con danni alla pelle, al fegato e al sistema nervoso centrale del feto.

Durante la gravidanza possono verificarsi sia l'infezione iniziale della donna con il virus dell'herpes simplex che l'attivazione di un'infezione esistente (a causa di una diminuzione della caratteristica di immunità di una gravidanza normale). Quando sono infetti da herpes durante la gravidanza, sono possibili gravi complicanze e più breve è il periodo, più gravi possono essere.

L'infezione da herpes durante la gravidanza nelle prime 12 settimane porta molto spesso alla cessazione della gravidanza, all'infezione del bambino con danni alla pelle, al fegato e al sistema nervoso e allo sviluppo di difetti dello sviluppo in esso. Nei periodi successivi vi è il rischio di parto prematuro, polidramnios o acqua bassa, e rimane anche la probabilità di infezione del feto. Il virus può penetrare nel bambino attraverso la placenta o colpire le membrane della vescica fetale.

Se una donna contrasse l'herpes prima del concepimento, la situazione non è così pericolosa. Allo stesso tempo il rischio di disturbi dello sviluppo fetale è minimo.

Nelle infezioni croniche da herpes durante la gravidanza ci sono degli anticorpi che, penetrando attraverso la placenta, proteggono il bambino dagli effetti del virus dell'herpes. Tuttavia, se le esacerbazioni della malattia durante la gravidanza si verificano frequentemente, ciò interrompe la placenta, che a sua volta causa ritardo nella crescita fetale e talvolta anche aborto spontaneo. Inoltre, se l'herpes genitale durante la gravidanza è esacerbato prima della nascita stessa, c'è una possibilità di infezione del bambino alla nascita.

Herpes durante la gravidanza: come viene formulata la diagnosi?

Durante la gravidanza, un'analisi del virus dell'herpes simplex viene necessariamente presa da una donna durante la registrazione. In caso di reclami, eruzioni cutanee specifiche, l'analisi viene ripreso in qualsiasi fase della gravidanza. Vengono utilizzati i seguenti studi:

Rilevazione di anticorpi contro i tipi di virus herpes simplex I e II. Questo è un esame del sangue in cui le immunoglobuline delle classi M e G sono identificate per l'herpes. Cioè, in questo caso, non è il virus stesso a essere determinato, ma la risposta del corpo ad esso. Se nel sangue di una donna vengono trovate immunoglobuline di classe G per l'herpes, questo indica che è stata a lungo infettata da un virus. La presenza di anticorpi di classe M indica un processo acuto, cioè un'infezione primaria o esacerbazione di una malattia cronica. Inoltre, per diagnosticare il peggioramento di un'infezione da herpes durante la gravidanza, il medico può prescrivere un test ripetuto per gli anticorpi della classe G dopo 10-12 giorni. L'aumento del numero di anticorpi di 3-4 volte indica una esacerbazione dell'infezione. Il rilevamento degli anticorpi delle classi G e M indica più spesso un'infezione recente, perché dopo 3 mesi le immunoglobuline della classe M vengono rimosse dal flusso sanguigno. Tuttavia, a volte il periodo di circolazione degli anticorpi M può allungarsi significativamente a seconda dell'agente patogeno infettivo e delle caratteristiche individuali dell'immunità della futura madre.

Lo studio delle secrezioni dal tratto genitale per il virus dell'herpes simplex. Il modo più comune per diagnosticare la presenza del virus dell'herpes durante la gravidanza è la PCR (reazione a catena della polimerasi), poiché è disponibile, altamente sensibile e produce rapidamente risultati. La PCR è uno dei metodi più moderni e affidabili per rilevare le infezioni nel corpo umano. Permette di determinare la presenza dell'agente causale della malattia, anche se è presente in una concentrazione molto piccola nel materiale in esame - solo poche molecole del suo DNA, il che rende questo metodo più accurato.

L'analisi viene eseguita come segue: in una provetta, una certa parte del DNA di un batterio o di un virus viene ripetutamente copiata, aggiungendo reagenti speciali. Moltiplicando quindi le cellule del patogeno, è successivamente facile determinarne la presenza.

Un ginecologo prende una macchia sulla diagnosi di PCR con una spazzola speciale dal canale cervicale quando la donna incinta è nella sedia ginecologica. Questa è una procedura assolutamente indolore. Il materiale risultante viene posto in una provetta con un mezzo speciale e inviato al laboratorio.

Non è richiesta una preparazione speciale per l'analisi. È auspicabile per un risultato più accurato per 2 giorni non fare la doccia e evitare il contatto sessuale. Inoltre, una macchia viene presa non prima di 3 giorni dopo la fine dell'uso di eventuali supposte vaginali.

Parto cesareo o naturale?
Se la futura gestante è stata infettata dal virus dell'herpes durante l'ultimo mese di gravidanza o ha avuto eruzioni cutanee sui genitali 2-3 giorni prima del parto, per evitare di infettare il bambino mentre attraversa il canale del parto della madre colpita, viene eseguito un taglio cesareo. In tutti gli altri casi, le donne partoriscono da sole.

Herpes durante la gravidanza: trattare o non trattare?

La terapia antivirale nella maggior parte dei casi durante la gravidanza non viene eseguita. Tale trattamento può essere prescritto solo alle donne con sintomi molto gravi di infezione da herpes durante la gravidanza, di solito nel secondo e terzo trimestre. Ma l'uso di agenti antivirali sotto forma di unguenti, mettendoli sul luogo colpito, è consentito in tutte le fasi della gravidanza.

La futura madre viene spesso prescritta farmaci immunomodulatori (farmaci che correggono il sistema immunitario) in supposte o per via endovenosa. I farmaci interferone, che compensano la sua insufficiente produzione nel corpo durante l'herpes, sono diventati molto diffusi durante la gravidanza. L'interferone è una proteina che viene normalmente prodotta nel corpo. È in grado di combattere tutti i virus. Con l'indebolimento dell'immunità, così come con un numero significativo di lesioni, i preparati immunoglobulinici possono essere utilizzati per via endovenosa. È possibile utilizzare tali metodi di trattamento come l'irradiazione laser del sangue e l'ozono terapia.

Herpes durante la gravidanza: cura in anticipo

Quando si pianifica una gravidanza in donne con frequenti esacerbazioni di herpes, si raccomanda la somministrazione profilattica di farmaci antivirali, farmaci immunomodulatori e multivitaminici. Durante la gravidanza, le donne con frequenti esacerbazioni di herpes dovrebbero prestare maggiore attenzione alla loro salute, evitare l'ipotermia, assumere complessi vitaminici. Se è noto che il marito di una donna incinta è infetto dal virus dell'herpes di tipo II, che è soggetto a frequenti esacerbazioni, e la donna incinta non ha anticorpi contro l'herpes, può valere la pena di astenersi dal fare sesso durante la gravidanza o il partner dovrebbe ricevere un trattamento antivirale a lungo termine. Naturalmente, dovresti seguire le solite regole d'igiene - non usare gli asciugamani di qualcun altro, non sederti su nessuna superficie in piscine, club fitness e bagni senza vestiti.

Cos'è l'herpes?

In natura esistono due tipi di virus herpes simplex: herpes di tipo I (labiale) e herpes di tipo II (genitale).

Il virus dell'herpes simplex di tipo I più spesso colpisce la mucosa e la pelle delle labbra, degli occhi, del naso, può anche causare danni al cervello e ai polmoni e solo nel 20-30% dei casi il virus dell'herpes di tipo I può causare danni agli organi genitali. Il virus dell'herpes di tipo I nel 70-80% della popolazione è infetto durante l'infanzia attraverso goccioline o contatto con l'aria (ad esempio, quando si utilizza un asciugamano o un piatto comune)

L'herpes virus di tipo II, al contrario, colpisce spesso la mucosa del tratto urinario. L'infezione da herpes genitale, come si può intuire, di solito si verifica con l'inizio dell'attività sessuale.

Herpes durante la gravidanza

A proposito di una malattia come l'herpes, molti non solo hanno sentito, ma sanno anche per esperienza personale. Oggi il 90% della popolazione è portatrice di herpes. Essendo presente nel corpo umano per 5, 10 e persino 25 anni, l'herpes può non manifestarsi in alcun modo, dal momento che l'immunità umana "sopprime" le sue manifestazioni e il virus, rendendosi conto che non è in grado di far fronte qui, "sonnecchia". Dura fino a quando le difese del corpo si indeboliscono. Esistono vari metodi di trattamento, mirati principalmente a sopprimere le manifestazioni della malattia e a ripristinare l'immunità. Ma ce n'è uno "ma": questa malattia non può essere curata, può solo essere "addormentata" e fino a quando l'immunità si indebolisce nuovamente. Sfortunatamente, la gravidanza è uno di quei periodi in cui una persona che vive in uno stato di anabiosi inizia a progredire.

Cosa sappiamo dell'herpes?

  • Ogni seconda persona è portatrice di questo virus.
  • Il virus dell'herpes di solito si annida nel sistema nervoso periferico nella regione della colonna vertebrale.
  • Conflitto di herpes herpes. Questo è al fatto che oggi possiamo distinguere l'herpes del primo e del secondo tipo.
  • L'herpes si manifesta con eruzioni cutanee sotto forma di bolle, il luogo più favorito è quello delle labbra o del naso (se si tratta di un virus di tipo 1) o dei genitali (nel caso del tipo 2).
  • L'herpes viene trasmesso in 4 modi. Tra di loro: in volo, sessuale, contatto (quando si bacia, si stringono la mano, condividono oggetti domestici comuni) e patrimoniali (da madre a figlio durante la gestazione del feto o del parto).
  • Il virus dell'herpes simplex è presente nel supporto di saliva, sangue, linfa, lacrime, urina, sperma e liquido cerebrospinale.
  • Il virus penetra nel DNA umano, introduce nuove informazioni e si moltiplica.
  • L'herpes può contribuire allo sviluppo dei tumori cervicali e uterini.

Qual è il pericolo del virus dell'herpes durante la gravidanza?

Come abbiamo detto, l'herpes si manifesta spesso durante la gravidanza, quando si osserva una diminuzione dell'immunità. Quest'ultimo è semplicemente necessario per una riuscita gestazione del feto, che in una certa misura è per il corpo della donna incinta un oggetto alieno. Pertanto, la natura si è organizzata in modo tale che per 9 mesi il corpo si indebolisce e non cerca di liberarsi dello "straniero". Cioè, dal punto di vista della gravidanza, questo fenomeno è semplicemente necessario, ma nel caso dell'herpes, tutto è diverso.

È molto pericoloso se una donna è stata infettata dall'herpes durante la gravidanza. In questo caso, esiste la possibilità che il virus penetri nella placenta nel corpo del bambino. È vero che l'infezione potrebbe non verificarsi. Se una donna è stata infettata nel primo trimestre di gravidanza, il rischio di aborto spontaneo aumenta in modo significativo. Se ciò non accade, il virus può "funzionare" in un'altra sfera e provocare varie malformazioni fetali: lesioni del sistema nervoso centrale, gravi difetti congeniti del cervello, alterazione della vista, udito e varie anomalie nello sviluppo fisico. L'infezione nel terzo trimestre può portare alla morte del feto o alla nascita di un bambino con danni al cervello.

Previsioni più confortanti per quelle donne che avevano herpes o erano portatrici del virus prima della gravidanza. In questa categoria di donne, i bambini sono protetti dagli anticorpi materni.

Il metodo di consegna più comunemente usato, se poco prima del parto, si è verificata una esacerbazione dell'herpes genitale, è un taglio cesareo. Ciò è dovuto all'alto rischio di infezione del bambino durante il passaggio attraverso un canale del parto infetto. Alcuni esperti praticano la consegna in modo naturale. Per fare ciò, neutralizzano il virus con la droga. Uno di questi è, per esempio, l'aciclovir.

Come trattare l'herpes durante la gravidanza

Se una donna prima della sua gravidanza ha osservato manifestazioni di herpes, allora l'ostetrico-ginecologo dovrebbe esserne informato. In caso di esacerbazione della malattia durante il parto, non è necessario posticipare la visita al medico: prima vengono prese le misure, maggiori sono le possibilità di successo.

Come abbiamo già notato, non esiste una medicina che distrugge il virus e garantisce il recupero completo. Le misure adottate dai medici influiscono sul virus o sull'immunità. La situazione con il trattamento delle donne incinte è aggravata dal fatto che non tutti i farmaci noti possono essere usati per 9 mesi.

L'alleato principale di una donna incinta nella lotta contro l'herpes è il farmaco Panavir, che può essere utilizzato internamente ed esternamente. Inoltre, ma con cautela, utilizzare l'unguento antiherpetico aciclovir. Ha spalmato le tasche di lesioni circa 5 volte al giorno per una settimana. Inoltre, viene usato ossolinico, alpizarina, tebrofen, tetraciclina o eritromicina.

A volte il medico consiglia di lubrificare l'eruzione da herpes con una soluzione di interferone, nonché con vitamina E, che contribuisce a una più rapida guarigione delle ferite. Se viene diagnosticata l'immunodeficienza, viene applicato il trattamento con immunoglobuline.

Da rimedi popolari applicare la lubrificazione del focolare con olio di abete, ammorbidire le croste con crema di camomilla o unguento di calendula. Consiglia una bevanda calda abbondante, per esempio, tè con miele o viburno.

Le istruzioni per alcuni farmaci indicano che non possono essere utilizzati durante la gravidanza. Ma una donna dovrebbe fidarsi del suo dottore, che ha prescritto uno di questi farmaci e sa che un'infezione non trattata è molto più pericolosa rispetto all'assunzione di farmaci "non risolti".

Herpes durante la gravidanza

Malattia di Herpes durante la gravidanza può essere un problema serio e quindi attentamente monitorato dai medici. Il virus dell'herpes simplex, come agente biologico, rappresenta un grave pericolo per il normale sviluppo del feto: ad esempio, per attività teratogena - la capacità di causare deformità nell'embrione - da tutti i virus, solo il virus della rosolia lo supera.

Questo è il motivo per cui le caratteristiche del corso dell'herpes durante la gravidanza sono sempre state attentamente studiate, e oggi i medici hanno già raccolto un materiale piuttosto esteso su questa malattia.

Statistiche a secco

È difficile discutere con le statistiche. In relazione all'herpes, ci dà i seguenti numeri:

  • Ogni seconda persona sul pianeta è portatrice di virus herpes simplex;
  • con l'herpes genitale primario, il rischio di infezione intrauterina è del 30-50%, con herpes ricorrente - 3-7%;
  • nelle prime fasi, il virus dell'herpes simplex provoca un aborto spontaneo nel 30% dei casi e nel 50% dei casi si verificano aborti tardivi nel terzo trimestre;
  • nel 40% dei neonati sopravvissuti, l'infezione intrauterina porta allo sviluppo di portamento latente con la comparsa di disturbi disfunzionali in età avanzata;
  • Dalle madri con forme asintomatiche o atipiche della malattia, i bambini malati nascono nel 70% dei casi. La mortalità in questo gruppo è di circa il 50-70%, solo il 15% dei neonati rimane sano.

È importante sapere che l'herpes può essere trattato in qualsiasi fase della gravidanza e che le misure preventive e terapeutiche precedenti sono iniziate, meglio è. Altrimenti, ci possono essere varie complicazioni.

Complicazioni occasionali

Nel periodo del trasporto di un bambino, tutte le forze del corpo sono dirette verso una ristrutturazione interna. La conseguente diminuzione dell'immunità è un fattore favorevole per la manifestazione di una malattia insidiosa. L'herpes è estremamente pericoloso durante la gravidanza e non può essere lasciato senza attenzione. Il virus può non solo provocare un aborto spontaneo, ma anche causare gravi malformazioni fetali.

Prima di tutto, l'herpes colpisce il corso della gravidanza stessa, e per la sua causa:

  • mancato aborto;
  • aborto spontaneo;
  • consegna pretermine;
  • nati morti.

Sbiadire in gravidanza, o aborto fallito, è la complicanza più comune che si verifica nel primo trimestre. Nonostante il fatto che la gravidanza inizi in modo sicuro (l'uovo fecondato è saldamente fissato sulla parete dell'utero), non si osserva alcun ulteriore sviluppo (si sviluppano solo le membrane). La difficoltà è che la donna si sente bene mentre il rifiuto dell'ovulo non si verifica. Ciò può portare all'intossicazione del corpo femminile da parte di prodotti di decomposizione, che risultano in:

  • processi infiammatori endometriali;
  • violazioni del sistema ematopoietico (trombosi, sanguinamento).

È importante notare la mancanza di sviluppo fetale. L'estrazione avviene medicamentalmente (pillole prese), o per estrazione del vuoto, eseguita in anestesia generale. Spesso diventa un curettage o uno scraping appropriato.

Il periodo di trattamento successivo dell'herpes genitale dovrebbe essere di almeno 6 mesi.

Per le complicazioni fetali si manifestano in:

  • difetti cardiaci;
  • ritardo dello sviluppo;
  • ittero prolungato;
  • lesione del sistema nervoso centrale;
  • sindrome hemorrhagic (sanguinamento esterno e interno);
  • la cecità;
  • la sordità;
  • epilessia;
  • micro / idrocefalo;
  • epato-splenomegalia.

Va sottolineato che la probabilità di infezione del feto con il virus dell'herpes durante la gravidanza è bassa. L'eccezione è l'infezione primaria della madre con l'herpes genitale, quando il rischio di trasmissione del virus al feto è del 50% e l'esacerbazione dell'herpes cronico, accompagnata dal rilascio del virus nel sangue.

Molto spesso l'infezione si verifica durante il parto e un taglio cesareo non esclude sempre l'infezione perinatale.

A proposito, è anche utile leggere:

Il virus dell'herpes quando infetta un neonato causa danni al sistema nervoso nel 35% dei casi, la pelle e gli occhi nel 45% dei casi, spesso porta a invalidità o morte. In condizioni di gravidanza prematura, la mortalità perinatale si verifica nel 90% dei casi. La sconfitta della placenta può verificarsi in qualsiasi momento. Quindi l'infezione da herpes nel primo trimestre porta allo sviluppo di difetti cardiaci, idrocefalo, sviluppo anormale del tratto gastrointestinale. L'infezione nel secondo e terzo trimestre provoca epatite, anemia, pancreatite, polmonite, sepsi, malnutrizione, herpes meningoencefalite erpetica.

All'infezione primaria dopo 32 settimane, il bambino è più spesso nato con ulcerazioni sulla pelle, necrosi cerebrale, cataratta, corioretinite, microftalmia. Con gravi lesioni (sepsi, meningoencefalite), la morte si verifica nel 50-80% dei casi, con trattamento tempestivo, questo indicatore scende al 20%.

Immunità all'herpes come garanzia della salute dei bambini

Da quanto precede, non è necessario concludere che la malattia dell'herpes e la nascita di un bambino sano siano concetti incompatibili. Solo l'infezione primaria è pericolosa. La maggior parte delle donne che hanno avuto l'herpes genitale hanno dato alla luce bambini assolutamente sani, poiché il feto è protetto in modo affidabile dagli anticorpi della madre. È interessante notare che l'effetto degli anticorpi continua diversi mesi dopo la nascita.

Il rischio di infezione del neonato dipende dalla gravità della malattia nella madre, così come dalla durata del contatto del feto con il liquido amniotico infetto e il canale del parto. Al fine di prevenire tali fenomeni, è necessario durante la pianificazione della gravidanza e alcune settimane prima della consegna per passare l'analisi per la presenza del patogeno nel corpo. Se il risultato dello studio è positivo, diventa opportuno condurre un taglio cesareo pianificato.

Inoltre, il medico prescrive una terapia farmacologica mirata ad eliminare le manifestazioni della malattia, riducendo la frequenza delle possibili ricadute, migliorando l'immunità. I farmaci vengono selezionati individualmente, a seconda delle caratteristiche del processo herpetico e della sua gravità.

Infezione primaria da herpes durante la gravidanza

Come già notato, l'infezione primaria è un pericolo particolare per la madre e il bambino. Le manifestazioni della malattia sono caratterizzate in questo caso, una particolare distinzione, poiché gli anticorpi nel corpo della donna sono assenti. Particolarmente pericoloso per l'infezione del feto nel primo e nel terzo trimestre di gravidanza. Nelle fasi iniziali, viene diagnosticata una gravidanza o un aborto spontaneo, e dopo 36 settimane viene diagnosticata una lesione degli organi interni (milza, fegato, rene).

Nonostante la terapia antivirale, l'herpes nelle donne in gravidanza in forma primaria porta alla morte o grave disabilità del neonato.

Molte persone confondono l'episodio primario di infezione e la prima recidiva di herpes genitale, precedentemente asintomatica. Questi sono concetti completamente diversi. Infezione primaria significa che il corpo non ha ancora sviluppato anticorpi protettivi, cioè ha riscontrato HSV per la prima volta. E quando una malattia si ripresenta, gli anticorpi sono già presenti nel sangue. Pertanto, l'infezione primaria è più pericolosa per una donna incinta.

In caso di infezione primaria, un esame del sangue mostrerà la presenza di Ig M e, in caso di recidiva, un test Ig G. Non solo la gestante, ma anche il padre del bambino, deve sottoporsi all'esame. Se una donna non è portatrice del virus, ma è presente in un uomo, l'infezione può verificarsi in qualsiasi momento. Ecco perché le coppie in cui solo un uomo soffre di herpes genitale, i medici consigliano vivamente di usare un preservativo per tutti i tipi di intimità sessuale.

L'herpes genitale primario nelle donne in gravidanza è caratterizzato da eterogeneità delle manifestazioni - i sintomi in persone diverse possono essere radicalmente diversi. I sintomi più comuni includono quanto segue:

  • arrossamento della pelle nella zona del cavallo, intorno all'ano o all'interno delle cosce;
  • la comparsa di vescicole dolorose piene di un liquido limpido nell'area dei glutei e dei genitali;
  • prurito;
  • perdite vaginali acquose;
  • dolore durante la minzione;
  • un aumento dei linfonodi inguinali;
  • sintomi del raffreddore (brividi, febbre, debolezza, mal di testa e dolori muscolari).

Le prime manifestazioni di herpes genitale sono arrossamento della pelle, sensazione di bruciore nella zona interessata. A 3-7 giorni inizia il periodo di eruzione frizzante. Piccole bolle possono comparire sulla superficie degli organi genitali esterni, nella vagina, sulla cervice, nell'uretra. Il giorno 5, scoppiano e al loro posto si formano ulcere erosive dolorose, che scompaiono in 1-2 settimane.

In media, la forma acuta dura 10 giorni. Il tasso di recidiva può variare da 1 volta al mese, fino a 1-2 volte all'anno. Tutto dipende dallo stato di immunità.

Metodi per la diagnosi di infezione da herpes

Per identificare l'herpes primario, puoi utilizzare i sintomi caratteristici e i test di laboratorio:

  • analisi del sangue per gli anticorpi;
  • esame virologico dei tessuti colpiti;
  • microscopia a immunofluorescenza, PCR (test rapidi);
  • studio citomorfologico su Wright (con colorazione).

Recidiva durante la gravidanza

L'herpes ricorrente nelle donne in gravidanza causa la minima preoccupazione. Se una donna ha già avuto ricadute prima della gravidanza, la protezione affidabile del feto sarà fornita dagli anticorpi che bloccano l'azione dell'HSV. Il rischio di infezione di un neonato da una madre affetta da herpes ricorrente è solo dell'1%.

Affinché la malattia non porti futuri problemi alla madre e al bambino, è necessario adottare una serie di misure. Durante il periodo di pianificazione della gravidanza, è necessario eliminare i focolai di infezione cronica (gastrite, sinusite, denti doloranti), sbarazzarsi delle cattive abitudini e sottoporsi a un corso di terapia di rafforzamento generale. È richiesta l'analisi delle immunoglobuline IgG e IgM.

Le misure preventive includono anche l'assunzione di Acyclovir o Valaciclovir in combinazione con complessi vitaminici.

Condurre la gravidanza, adattato per l'herpes

L'infezione da herpes durante la gravidanza richiede un'osservazione dinamica. L'esame ecografico viene eseguito 3 volte:

  • per un periodo di 10-14 settimane (spessore stimato della zona del collo);
  • alla settimana 20-24 (identificazione dei marcatori ecografici delle anomalie cromosomiche);
  • a 32-34 settimane (identificazione di patologie per lo sviluppo di manifestazioni tardive).

Tali segni come la presenza di sospensione nel liquido amniotico, la mancanza di acqua alta, la sindrome della "placenta densa", le cisti cerebrali possono indicare l'infezione intrauterina. Per risultati sospetti, viene condotto un ulteriore esame approfondito. Da 16 a 30 settimane, viene prelevato sangue per AFP e hCG. I test anticorpali vengono eseguiti 4 volte: in ciascuno dei trimestri e alla vigilia della nascita.

I metodi diagnostici più affidabili oggi sono considerati ricerca virologica e genodiagnostika. L'analisi virologica comporta il posizionamento del contenuto delle bolle negli embrioni di pollo o in speciali mezzi nutrienti che stimolano la riproduzione del virus.

Quando la genodiagnostica (il più delle volte PCR) ha rivelato la presenza del DNA del virus nelle secrezioni di una donna incinta. Il vantaggio della reazione a catena della polimerasi è la sensibilità al 100% e la capacità di distinguere il virus dell'herpes simplex da altri virus. Come metodi aggiuntivi, vengono utilizzate le reazioni di immunofluorescenza (REEF) e il saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA).

Le reazioni di IFA possono essere di 2 tipi: qualitativo e quantitativo. Quelli qualitativi consentono di rilevare non solo la presenza / assenza di anticorpi IgG e IgM nel sangue, ma anche di determinare il tipo di virus che ha causato la malattia (HSV-1 o HSV-2). Inoltre, usando questa analisi, è possibile determinare se ci sono state delle ricadute prima.

Le reazioni quantitative determinano i titoli anticorpali, che consentono al medico di valutare lo stato generale di immunità del paziente. E 'possibile fare dei test sia prima del trattamento che durante l'assunzione di farmaci antivirali - la terapia farmacologica non ha alcun effetto sui risultati del test.

Tra le altre cose, un esame clinico del canale del parto e della vulva viene eseguito al fine di rilevare i focolai erpetici latenti. 2 settimane prima del parto, le donne del gruppo a rischio vengono ospedalizzate per raccogliere il contenuto del canale cervicale.

trattamento

Il trattamento dell'herpes in una donna incinta ha i seguenti obiettivi:

  • alleviare i sintomi, riducendo la durata del periodo acuto;
  • accelerazione dei processi di rigenerazione;
  • diminuzione della gravità dell'escrezione virale nei foci colpiti;
  • riducendo il numero di recidive.

Le misure terapeutiche per la completa scomparsa del virus non conducono, poiché ciò è semplicemente impossibile. Tuttavia, il più rapidamente possibile per eliminare i sintomi spiacevoli e ridurre il numero di recidive ripetute è abbastanza realistico.

Se una donna prima della gravidanza avesse manifestazioni di herpes genitale, allora dovresti informare il ginecologo che la sta osservando. Ai primi segni di esacerbazione, dovresti immediatamente cercare aiuto.

È importante ricordare che prima inizia il trattamento, maggiore è la sua efficacia. La massima produttività dell'azione dei farmaci antieretici è stata osservata prima della comparsa delle lesioni o entro 24 ore dalla loro comparsa.

Il principale metodo di trattamento dell'herpes nelle donne in gravidanza è la chemioterapia antivirale (uso di farmaci anti-epilettici specializzati). Ad oggi, l'efficacia comprovata ha:

  • Aciclovir (Zovirax e suoi derivati);
  • Valaciclovir (Valtrex);
  • Penciclovir (Denavir);
  • Famciclovir (Famvir).

L'aciclovir più comunemente usato. Questo farmaco è attivo contro il citomegalovirus, il virus Epstein-Barr, la varicella zoster e il virus dell'herpes simplex (tipo 1 e 2). Nelle farmacie, puoi trovare molti farmaci in cui Acyclovir agisce come sostanza di base: Zovirax, Acic, Atsigerpine, Acyclostad, Virolex, Gerpevir, Xorovir, Suvorand, Medovir.

Nelle annotazioni ai farmaci si può leggere che l'uso è giustificato solo nel caso in cui il beneficio previsto superi il danno potenziale. Questo è allarmante per molti. Infatti, studi sperimentali hanno dimostrato che l'aciclovir, quando somministrato per via orale, supera la barriera placentare, ma questo farmaco non può causare l'aborto.

Gli stessi studi hanno dimostrato che l'uso di Acyclovir nella forma di un unguento non è in grado di danneggiare né la madre né il suo bambino, poiché l'Aciclovir non entra nella circolazione sistemica sotto esposizione locale. Gli oli ossolinici, tetracicline, eritromicina e tebrofen vengono anche usati per lubrificare le aree colpite.

Nell'infezione iniziale della madre, Valaciclovir viene somministrato per via orale con 500 mg due volte al giorno per 10 giorni.

Quando le ricadute dovrebbero essere prese:

  • Aciclovir per via orale 200 mg 3 volte al giorno per 5 giorni (con frequenti recidive);
  • Unguento a base di Aciclovir (ogni 3 ore);
  • unguenti antibatterici (Vidarabina, Ryodoxol, Neosporin);
  • Xylocaine 2% (con sindrome da dolore grave);
  • bagno sessile con erbe (camomilla, treno) seguito dall'applicazione di composizioni essiccanti (unguento di zinco).

I medici raccomandano di includere prodotti contenenti lisina nella dieta. Questo amminoacido inibisce la riproduzione del virus. La lisina si trova in grandi quantità nella carne di pollo, frutta e verdura. Devi astenermi dal mangiare cioccolato e uvetta, in cui c'è l'arginina, che stimola l'attività del virus dell'herpes. Mangiare sano, camminare all'aria aperta e un ambiente psicologico calmo sono anche le misure preventive più importanti da non trascurare.

Parto alla ricaduta

Se durante il parto la malattia era in remissione e non si manifestava, allora si può partorire nel reparto osservazionale di qualsiasi ospedale. Se ci sono state delle ricadute, si consiglia di contattare una clinica specializzata dove verrà fatta un'osservazione speciale per la donna e il neonato.

Per quanto riguarda il metodo di consegna, poi quando un virus herpes simplex si trova in uno striscio, ce ne sono due:

  • parto naturale, che coinvolge il trattamento antisettico del canale del parto (polividone, iodio, vocadina, betadina);
  • taglio cesareo.

Separatamente, dovrebbe essere detto sul trattamento dei neonati infetti da herpes dalla madre.

Terapia per i neonati con infezione da herpes

Più spesso, l'herpes nei neonati deriva dallo sviluppo di herpes genitale in una madre nel terzo trimestre di gravidanza. L'infezione può verificarsi:

  • durante la gestazione, attraverso la placenta (transplacentare);
  • durante il parto - quando passa attraverso un canale del parto infetto;
  • dopo il parto (attraverso il latte materno).

I segni dell'infezione diventano evidenti 2 settimane dopo il parto. Sulla pelle, le membrane mucose, la congiuntiva degli occhi di neonati ci sono eruzioni di bolla, che scompaiono in 10 giorni. Nei neonati prematuri, l'infezione è più grave - l'encefalite herpetica si sviluppa spesso. I seguenti sintomi sono indicativi di danno cerebrale:

  • febbre;
  • sonnolenza;
  • sindrome convulsa;
  • difficoltà a respirare.

Circa l'80% dei bambini prematuri con manifestazioni di infezione da herpes in assenza di cure mediche muoiono. L'attuazione tempestiva di misure terapeutiche può salvare la vita del 50% dei neonati malati. Sono assegnati Acyclovir al tasso di 50 mg / kg di peso corporeo. La durata del trattamento è di almeno 3 settimane. Con la sconfitta della congiuntiva dell'occhio, si applica una pomata di Idoxiridina.

Gli antibiotici sono usati per sopprimere la flora patogena, gli immunostimolanti (Pentaglobina, Tsitotek) sono usati per aumentare le reazioni protettive del corpo, Actovegin, Instenon - per migliorare la circolazione cerebrale.

L'aspetto dell'herpes durante la gravidanza non è una frase. Molte donne che soffrono di questa malattia, si prendono cura in modo sicuro del periodo prescritto e danno alla luce bambini sani. Non trascurare il problema - non ritardare la visita dal medico e seguire tutte le raccomandazioni.