Malattie invasive

Malattie invasive nel dizionario enciclopedico:
Malattie invasive - Malattie degli uomini e degli animali causate da parassiti animali - protozoi (ad es. Malaria), artropodi (scabbia), crostacei (malattie dei pesci), elminti e altre malattie degli uomini e degli animali causate da parassiti animali - protozoi (es. Malaria), artropodi (scabbia), crostacei (malattie dei pesci), vermi, ecc.

Significato delle malattie invasive nel dizionario di Brockhaus e di Efron:
Le malattie invasive sono un gruppo di malattie che attualmente la maggior parte degli scienziati non trova possibile isolare dalle malattie infettive (vedi Infezioni e Malattie Infettive).

Definizione di "Malattie invasive" di TSB:
Le malattie invasive sono malattie degli uomini e degli animali causate dal parassitismo nei loro corpi di protozoi unicellulari, vermi, zecche e alcuni artropodi. A seconda del tipo di agente patogeno I. b. sono divisi in protozoi (patogeni - protozoi), elmintiasi (patogeni - vermi), acarosio (patogeni - acari), entomozy (patogeni - insetti). Patogeni I. b. può vivere sulla superficie del corpo (ectoparassiti), così come all'interno del corpo umano o animale (endoparassiti). Il più comune I. b. provengono da protozoozov - malaria, toxoplasmosi, tripanosomiasi, amebiasi, giardiasi, coccidiosi, tricomoniasi, leishmaniosi, ecc.; da elmintiasi - Ascariasis, Trichinosi, Enterobiosi, anchilostoma, Filariasi, Dracunculiasis, taeniasis, Imenolepiasi, Diphyllobothriasis, Opisthorchiasis, cystosomiasis, Echinococcosis, ecc (più di 200 specie); da acarosi e entomozov - Scabbia, Myaz, pediculosi, ecc.
Fonti I. b. sono organismi portatori del patogeno (ospiti) in uno stato di infezione - malattia o trasporto di parassiti. Ospite biologico di agenti patogeni I. b. può essere umano (anthroponoses) o animali (zoonosi). Trasmissione del patogeno I. b. viene effettuato per contatto (per esempio con la scabbia - con un malato o un cavallo), inghiottendo il patogeno o le sue uova (per esempio, ascariasis, amebiasi, ecc.), quando le larve penetrano attraverso la pelle danneggiata (ad esempio, ankilostomidoz, strongiloidosi). Trasmissione dell'agente causativo di alcuni I. b. È effettuato da vettori artropodi (leishmaniosi, malaria, ecc.).
Lett.: Pavlovsky E. N., Guida alla parassitologia umana, vol. 1-2, M.-L., 1946-48.
I. I. Yolkin.

Cos'è la malattia invasiva?

Malattie invasive, malattie parassitarie, malattie causate da parassiti di origine animale. A seconda della posizione tassonomica del parassita I. b. suddiviso in protozoi (causa protozoi), gelmashtozy (causa elminti), aracnosi (agenti patogeni - aracnidi, compresi gli acari), entomozy (causa di insetti).

Le malattie invasive negli animali da allevamento si verificano in forma clinicamente espressa con significativa mortalità (piroplasmidosi, fascioliasi, dictiocaulos, ecc.) E in forma latente (latente). Ad esempio, in pecore ben nutrite, pazienti con dictyaulosis, in autunno (spesso prima della primavera), non ci sono segni clinici, e in primavera, quando si alimentano e si deteriorano gli alloggi, durante la gravidanza, a seguito di esposizione al freddo e ad altri fattori di stress, compaiono i sintomi della malattia. Molte malattie invasive durano a lungo con segni clinici lievi e con un'invasione minore si verificano senza sintomi della malattia, ma con una diminuzione della produttività nei singoli animali. Quando ciò accade la sensibilizzazione dell'organismo ospite, accompagnata dallo sviluppo di reazioni allergiche. La diffusione delle malattie invasive è fortemente influenzata dalle condizioni naturali: clima, suolo, fauna e flora, durata della stagione di pascolo degli animali, altezza del terreno sul livello del mare, umidità, quantità e qualità delle risorse idriche. Ad esempio, negli anni piovosi, ci sono significativamente più focolai di fascioliasi, dictiocaulosi; la prolungata permanenza di bovini e cavalli sullo stesso pascolo contribuisce alla diffusione di varie infezioni da elminti. I fattori ambientali (in particolare gli animali, le loro condizioni, la presenza di portatori, ospiti intermedi, ecc.) Che influenzano i parassiti determinano le caratteristiche epizootologiche delle malattie invasive. Di solito procedono sotto forma di enzootia. Estremamente importante nell'epizootologia delle malattie invasive è il portatore parassitario, nel quale gli animali infetti non soffrono clinicamente, ma sono solo la fonte della diffusione dell'invasione.

Il danno economico causato alla zootecnia da malattie invasive è costituito da perdite dalla morte di animali malati, dalle quantità e qualità, dalla diminuzione della loro produttività, nonché dai costi di trattamento e dall'organizzazione di misure preventive. Il maggior danno da malattie invasive è registrato tra i giovani animali da fattoria, in particolare gli uccelli. Le malattie invasive influenzano l'aumento della mortalità animale da altre malattie. L'elmintiasi indebolisce lo stato di immunità (ad esempio nei suini contro l'erisipela e la peste) e riduce la resistenza agli agenti patogeni di molte infezioni (ad esempio intestinali) e alle invasioni.

Per l'organizzazione di misure preventive contro le malattie invasive, è necessario conoscere le fasi di sviluppo dei parassiti e dei loro vettori, le caratteristiche di sviluppo e il corso I. b. in relazione all'una o all'altra area geografica con l'istituzione di focolai - serbatoi di invasione (tenendo conto dei tempi di comparsa nell'area dei parassiti, portatori e ospiti intermedi, termini di sviluppo dello stadio larvale e parassiti adulti), nonché della presenza di specie di animali che hanno determinati parassiti. Le misure per combattere le malattie invasive degli animali da allevamento comprendono una serie di misure mirate al miglioramento di massa degli animali - portatori di patogeni invasori, distruzione di vettori di artropodi e ospiti intermedi di parassiti e liberazione dell'ambiente esterno (pascoli, edifici zootecnici, letame, corpi idrici) da embrioni parassiti. Alle misure per combattere I. b. includere la prevenzione generale (alimentazione adeguata e condizioni ottimali per mantenere gli animali nelle stanze e nei pascoli; isolare pascoli isolati per giovani stock; allevare gratuitamente tutto l'anno giovani stock; organizzare irrigazioni igieniche; neutralizzazione biotermica del letame; bonifica; snellimento delle condizioni igieniche dei territori di fattorie, pascoli, impianti di utilizzazione e siti per la macellazione) e misure speciali (chemioprofilassi, vermifugo, devastazione, disinvasione). Vedi anche Invasion.

Malattie parassitarie della persona

Le malattie parassitarie umane sono un gruppo separato di malattie, tutte provocate da organismi unicellulari e multicellulari parassiti. I parassiti più comuni sono i vermi (elminti), seguiti dagli artropodi (insetti e acari). Altrimenti, le malattie parassitarie sono chiamate malattie invasive o semplicemente invasioni.

I parassiti possono essere temporanei e permanenti. Il loro ciclo vitale è molto complesso, in alcuni casi, per la formazione di un individuo a tutti gli efetti, il parassita deve cambiare tre proprietari.

Le malattie invasive sono molto pericolose per la salute umana. I parassiti sono in grado di causare danni meccanici all'organismo ospite, avvelenandolo con prodotti della sua attività vitale, provocando lo sviluppo di reazioni allergiche, nutrendosi di sangue umano e avendo un effetto negativo sul decorso di altre malattie.

Le invasioni parassitarie sono diffuse. Secondo l'OMS, ogni quarto abitante della Terra è portatore di un parassita. I vermi intestinali sono tra le malattie più pericolose, si ritiene che occupino il 4 ° posto nel causare danni alla salute umana in confronto ad altre patologie. Le invasioni parassitarie sono prevalenti solo in termini di prevalenza di tubercolosi, malattia coronarica e diarrea.

Una delle caratteristiche più sorprendenti delle malattie parassitarie è che l'agente patogeno può vivere a lungo nel corpo umano (se non c'è trattamento) e causare una re-infezione.

Agenti causali di malattie parassitarie

I principali agenti causali delle malattie parassitarie sono i vermi che provocano infezioni da elminti.

Dato il tipo di parassita, ci sono i seguenti tipi di infezioni da elminti:

Trematodosi, elmintiasi, provocata da raffreddore: parodie polmonari, influenza del fegato, passera di gatto, schistosomi, clonorch.

Nematodosi - invasioni di nematodi. La fonte dell'infezione è l'uomo. Tra tutti i tipi di infezioni da elminti, le nematodosi sono più ampiamente distribuite. Sono causati dai seguenti agenti patogeni: nematodi, ossiuri, tricocefali, toxocara, trichine.

Cestodiasi - invasioni di tenie, tra cui la tenia bovina (tenia o tenia disarmata), la tenia di maiale (tenia armata), la tenia nana, l'ampolla tenera, l'echinococco e l'alveococco.

Oltre ai vermi, gli agenti causali delle malattie parassitarie sono:

Organismi protozoi o protozoi, tra cui Giardia, plasmodia malarica, Toxoplasma, Trichomonas, ecc.

Ectoparassiti, compresi i pidocchi (pubici, testa e vestiti), insetti e zecche.

Altri parassiti: larve di zanzara, larve di volatili, pulci di sabbia.

Sintomi di malattie parassitarie

I sintomi delle malattie parassitarie sono spesso sfocati. Possono essere assenti del tutto per molti anni, e possono essere acuti.

I principali segni di invasione parassitaria sono:

Reazioni allergiche Principalmente fluiscono dal tipo di orticaria.

Aumento della temperatura corporea. A volte il paziente ha la febbre. Di regola, la temperatura corporea di 38-40 gradi è caratteristica della fase acuta della malattia, o sale a livelli così elevati con lo sviluppo di complicanze di invasione parassitaria. Nella stragrande maggioranza dei casi, una persona mantiene una temperatura corporea normale o sale a segni subfebrillari. Pertanto, la caratteristica più significativa che consente di sospettare l'invasione parassitaria è la temperatura corporea subfebrillare che persiste a lungo.

La linfadenite è un altro sintomo comune delle malattie parassitarie. Si manifesta nell'infiammazione dei linfonodi. Possono crescere e diventare dolorosi, uno alla volta o in gruppo. In parallelo, una persona infetta ha mal di testa, un appetito peggiora e si sente male. Molto spesso i linfonodi regionali sono infiammati, cioè quelli che si trovano in prossimità della fonte dell'infezione. Non è esclusa una lesione parassitaria dei linfonodi stessi.

Artralgia e mialgia. Il dolore nei muscoli e nelle articolazioni è spesso il risultato di reazioni immunologiche. Il fatto è che il sistema immunitario percepisce i parassiti come oggetti alieni e inizia ad attaccarli. I muscoli e le articolazioni possono ferire perché al loro interno ci sono le larve dei parassiti o a causa della reazione infiammatoria generale del corpo. Inoltre, il dolore può essere il risultato di danni ai tessuti muscolari o alle articolazioni da parte di mascelle o ventose di parassiti.

La sindrome polmonare si verifica spesso nelle persone con invasione parassitaria. Si manifesta in una tosse lunga e debilitante. Il paziente può avvertire mancanza di respiro, dolore al petto. Con alcune invasioni, ad esempio, l'ascariasis, una persona sviluppa pleurite eosinofila, può verificarsi emottisi.

Spesso le persone infette hanno edema (ad esempio con trichinosi e trichuriasi). Possono diffondersi in tutto il corpo e possono influenzare solo gli arti e il viso. Angioedema particolarmente pericoloso.

Rilevante per la sindrome addominale da invasione parassitaria. Si manifesta nell'alternanza di stitichezza e diarrea, in flatulenza, in nausea e eruttazione. A volte può verificarsi vomito.

I dolori addominali sono molto diversi, possono essere acuti, persistenti, miti e crampi.

Con un'invasione parassitaria a lungo termine, il paziente sviluppa una sindrome da intossicazione con crescente debolezza, con una tendenza a frequenti malattie infettive, con perdita di peso corporeo, ecc.

I disturbi di tipo cervico-cervicale sono caratteristici: problemi con il sonno, frequenti urla e risvegli notturni, irritabilità, digrignamento dei denti durante il sonno, convulsioni, mal di testa, vertigini.

Le malattie della pelle stanno diventando più frequenti: psoriasi, seborrea, acne, dermatite atopica. La condizione di capelli e unghie peggiora, la loro fragilità aumenta, la lucentezza scompare, ecc.

Dal sistema urogenitale ed escretore, ci sono frequenti recidive di vulvite, vulvovaginite, uretrite, proctite.

I pazienti con invasione parassitaria diventano più inclini alle infezioni catarrale, hanno spesso gengiviti, stomatiti e altre malattie che indicano un indebolimento del sistema immunitario.

Elenco delle malattie parassitarie

Infezioni da Helminth, provocate da vari worm:

Malattie invasive

Questo gruppo comprende malattie infettive, i cui agenti causali sono organismi animali (elminti, aracnidi, insetti e protozoi). Gli animali sono infettati da queste malattie per via alimentare (i parassiti passivi entrano in bocca con cibo e acqua), contatto (quando un animale sano viene a contatto con un paziente, così come attraverso prodotti per la cura), in utero (il feto si infetta nell'animale durante la gravidanza), attraverso l'ematopa- artropodi (acari).

Nei gatti, gli agenti patogeni delle malattie invasive si sono adattati a dimorare in molti organi e tessuti: nel cervello, negli occhi, nel sangue, nel fegato, nello stomaco, ecc. Solo gli animali malati e i parassiti possono essere la fonte di invasione. I fattori di trasmissione includono terreno, erba, lettiera, acqua da pozzanghere contenenti larve e uova di elminto e cisti di protozoi. Molti invertebrati sono portatori di larve invasive di vermi parassiti (ospiti intermedi).

Per i mezzi etiotropici (specifici) usati per trattare e prevenire le malattie invasive dei gatti, i seguenti gruppi di farmaci includono:

• i farmaci antielmintici, o farmaci antielmintici, sono farmaci usati per liberare i gatti da elminti o vermi parassiti. Sono usati, di solito per via orale.

• insetticidi: farmaci che hanno un effetto distruttivo sugli insetti parassiti e sono usati per distruggerli; acaricidi - sostanze che distruggono le zecche. Se le droghe agiscono su insetti e zecche, vengono chiamate insetto tarticidi. Usato esternamente per trattare la pelle;

• antiprotozoico, o antiprotozoico, mezzi - farmaci contro le malattie dei protozoi, cioè causati dai protozoi. Nominato per via sottocutanea.

Le malattie invasive, come tutte le altre, sono più facili da prevenire che curare. Pertanto, i proprietari devono adottare misure preventive: effettuare sverminazioni preventive e trattare i loro animali con farmaci acaricidi insetticidi, disinfettare prodotti per la cura degli animali e oggetti ambientali, evitare di mangiare carne di origine sconosciuta, monitorare i contatti con animali senzatetto, ecc.

Tutte le malattie invasive, a seconda dell'agente patogeno, sono suddivise in diversi gruppi.

1. Elmintiasi - Malattie invasive causate da vermi parassiti o vermi. Questo gruppo di malattie è il più numeroso (60%) ed è quasi universale. Questi includono trematodosi, cestodosi e nematodosi.

2. Le aracnoentomosi sono una malattia invasiva causata da artropodi. Questi includono malattie diffuse causate dall'invasione di gatti da pulci, zecche, ciglia.

3. Le malattie protozoarie, o protozoi, sono malattie invasive dei gatti, così come altri animali domestici e selvatici, i cui agenti causali sono protozoi (microscopiche quantità di cellule singole) organismi. I più semplici sono in grado di parassitare nel sangue, nel tratto gastrointestinale, nel cervello e in altri organi e tessuti. La toxoplasmosi è un virus comune e molto pericoloso per la salute dei protozoi.

Trematodozy

Trematodi: vermi parassiti, legati al tipo di parassiti. Parassitario in vari organi e tessuti umani, animali domestici e selvatici, in particolare gatti. Sviluppare, utilizzare host intermedi - molluschi d'acqua dolce e terrestri. Per alcuni tipi di vermi è necessario un secondo ospite intermedio: pesci, anfibi, insetti.

Opistorchiasi

Opisthorchiasis - una malattia comune di esseri umani e animali, causata da un colpo di fortuna di passera epatica o opisthorchis felino. Il luogo preferito di parassitizzazione del trematode è il fegato, la cistifellea e i dotti pancreatici dei gatti. In Russia, questa malattia è registrata nelle regioni del bacino di Ob-Irtysh, nei bacini dei fiumi Volga, Dnieper, Don, Dvina settentrionale.

Opisthorchis felino ha un corpo piatto (figura 49). È un biohelminth che si sviluppa con il cambio di tre gruppi di ospiti: definitivi (animali e umani), intermedi (bitini di molluschi d'acqua dolce) e supplementari (pesci della famiglia delle carpe).

Fig. 49. L'agente eziologico dell'optorchiasi Opisthorchois felineus

I gatti si infettano mangiando pesce crudo infettato da larve invasive - metacercarie. Una volta nel corpo di un animale, sotto l'influenza del succo gastrico e di altri enzimi intestinali, le larve penetrano molto facilmente nel fegato e nel pancreas, dove si trasformano in parassiti maturi. Un mese dopo, iniziano a deporre le uova, che cadono nell'intestino e con le feci nell'ambiente. Lì penetrano nell'intestino del mollusco e si sviluppano in cercarie (larve di trematodi) che, dopo aver lasciato il corpo del mollusco, attaccano un ospite aggiuntivo, il pesce. Di conseguenza, il loro ciclo di sviluppo si chiude, che dura da 4-4,5 mesi da un uovo alla forma matura.

Quando il pesce è congelato ad una temperatura di - 2... -13 ° C, le larve opisthorchis muoiono completamente dopo 24 giorni, ad una temperatura di - 30 ° C - dopo 5 ore I vermi muoiono anche con un'attenta essiccazione del pesce essiccato e l'essiccazione sotto vuoto di pesce macinato.

La manifestazione clinica dell'opportofilia nei gatti può essere diversa. Gli animali malati mostrano letargia, depressione, perdita di appetito, esaurimento generale, disturbo dell'attività del tratto digestivo, espressi nell'alternarsi di diarrea e stitichezza. Il fegato è ingrossato, c'è un leggero giallo della sclera, delle mucose e della pelle. La durata della malattia nei gatti può variare da diversi mesi a 2-3 anni.

La diagnosi della malattia viene effettuata mediante l'esame di laboratorio dei campioni di feci.

Quando compaiono i sintomi, è necessario misurare la temperatura corporea del gatto per escludere le malattie infettive (non cambia con l'astocheria), inviare un campione di feci al laboratorio veterinario per la ricerca e pulire accuratamente i locali.

Hexichol (0,2 g / kg una volta in una miscela con una piccola quantità di carne macinata dopo un digiuno di 12 ore), esacloroetano (fasciglione) in una dose di 0,1-0,2 g / kg una volta in una miscela con una piccola quantità di carne macinata dopo Digiuno di 8-10 ore, qualsiasi farmaco sulla base di praziquantel - 5 mg / kg.

La prevenzione è vietare agli animali di nutrire il pesce crudo da siti contaminati.

cestodosis

Cestodi: tenie piatte, parassitarie nell'intestino dei gatti. I parassiti sono attaccati alla parete intestinale, danneggiando così la sua membrana mucosa. Sui punti di attacco dell'elminto, di solito si verificano lesioni ulcerative.

Il decorso della malattia dipende dal tipo di parassita, dall'intensità dell'infezione, dalla grassezza del gatto, dalle sue condizioni di mantenimento e dall'età.

bothriocephaliasis

L'agente eziologico è un cestodo lungo 9-10 m o più (nell'intestino dei gatti raggiunge una lunghezza di 1-1,5 m), costituito da molte migliaia di segmenti. Il parassita si sviluppa con la partecipazione di un ospite intermedio (crostaceo-ciclope) e un altro (vari tipi di pesci d'acqua dolce). Possibile infezione di una persona.

Le uova con le feci di gatti cadono nell'ambiente e, in particolare, nell'acqua. Lì si trasformano in larve, che vengono catturate dai crostacei. I pesci che hanno ingerito i crostacei infetti vengono invasi e la larva penetra nella cavità corporea del pesce, delle gonadi, dei muscoli e dell'ipoderma. I gatti si infettano nutrendoli con pesce crudo e infetto.

Con una forte invasione, si notano disturbi dell'attività del tratto gastrointestinale: le feci sono liquide, acquose, con una piccola mescolanza di masse alimentari, vomito. Con le masse del bavaglio, i segmenti parassiti a volte escono. Nei gattini, si osserva un ritardo nella crescita, nella massa corporea e disturbi nervosi.

Diagnosticano la diphyllobrio-triosi trovando le uova nelle feci di un animale malato.

Dipilidioz

La dipilidiosi è una malattia di gatti, cani e animali da pelliccia, causata da cestodi sessualmente maturi, parassitosi di fronte all'intestino tenue. Ospiti intermedi - larve e ciglia delle pulci. Le persone possono ottenere la dipilidiosi.

I gatti infettati da un elminto si dissolvono con segmenti di feci del parassita, pieni di uova. Durante il movimento dei segmenti, le loro pareti sono rotte e le uova escono, invadendo l'ambiente esterno. Gli ospiti intermedi, nutrendosi di vari residui organici, possono ingoiare le uova del parassita. Di loro nell'intestino si formano le larve che penetrano nel sangue degli insetti e si diffondono in tutto il corpo con il successivo sviluppo di larve invasive (cisticeridi). Gatti, fare un bagno, leccare la lana, ingoiare insetti infetti da cisticeridi. Gli insetti vengono digeriti nel tratto gastrointestinale dell'animale e le larve invasive rilasciate si attaccano alla mucosa dell'intestino tenue e si formano in forme adulte di cestodi.

I gatti malati sono oppressi, hanno un appetito pervertito, vomito, diarrea alternata e stitichezza. mucose anemici, i capelli arruffati, gli occhi appaiono allocazione, l'animale si stanca rapidamente, prurito nell'ano (la scansione gatto a terra e si strofina su argomenti diversi), a volte rintracciato sintomi del sistema nervoso.

alveococcosis

L'agente eziologico della malattia è alveococcus, nella fase larvale parassitizzante negli intestini del gatto. I portatori del parassita sono volpi, volpi, gatti a canna, lupi. Una persona può essere infettata quando comunica con un gatto o un cane malato, mentre divide le pelli attraverso bacche selvatiche e acqua. Un gatto viene invaso bevendo dagli stagni, attraverso l'erba, mangiando le feci dei predatori.

Il ciclo di sviluppo e i sintomi della malattia sono simili ai cicli di sviluppo e ai sintomi di altri cestodi.

Per una diagnosi accurata di cestodosi, è necessario passare le feci del gatto per l'analisi al laboratorio veterinario.

Il trattamento di una qualsiasi delle malattie causate da cestodi, conduce un veterinario dopo aver determinato il tipo di parassita. I farmaci più comunemente prescritti sono:

• fenasal in una dose di 0,1 g per 1 kg di peso corporeo di un gatto senza precedente inedia;

• Kamala in una dose di 1-3 g, a seconda del peso del gatto. Il farmaco viene somministrato dopo una dieta da fame di 16-18 ore in forma dissimulata, ad esempio con carne macinata;

• uno qualsiasi degli antielmintici ad ampio spettro prodotti da produttori nazionali ed esteri. Di norma, il dosaggio del farmaco per gatti adulti è di 1 compressa per 3 o 4 kg di peso corporeo di un gatto o di una zolletta di zucchero per 10 kg, per i gattini, 1 kg.

nematosis

Nematodosi - malattie dei gatti, i cui agenti causali sono nematodi appartenenti alla classe dei nematodi. Questi elminti parassitano principalmente nel tratto intestinale del gatto, ma possono anche interessare altri organi e tessuti.

MALATTIE INVASIVE

malattie invasive, malattie parassitarie, malattie causate da parassiti di origine animale. A seconda della posizione tassonomica del parassita I. b. suddiviso in protozoi (causa protozoi), helmstozy (causa elminti), aracnosi (agenti patogeni aracnoidi, compresi gli acari), entomozy (causa insetti).

I. b. negli animali da allevamento, procedono in forma clinicamente espressa con significativa mortalità (piroplasmidosi, fascioliasi, dictya-colosi, ecc.) e in forma latente (latente). Ad esempio, le pecore ben nutrito, pazienti diktiokaulozom autunno (spesso fino alla primavera) segni clinici, e in primavera, quando il deterioramento di alimentazione e durante la gravidanza, a causa dell'esposizione al freddo e altri fattori di stress si manifestano i sintomi della malattia. Molti I. b. per lungo tempo si verificano con segni clinici lievi, e con invasione minore ?? nessun sintomo della malattia, ma con una diminuzione della produttività nei singoli animali. Quando ciò accade la sensibilizzazione dell'organismo ospite, accompagnata dallo sviluppo di reazioni allergiche. Sulla distribuzione di I. b. Le condizioni naturali hanno una grande influenza: clima, suolo, fauna e flora, la durata della stagione di pascolo degli animali, l'altezza del terreno sul livello del mare, l'umidità, la quantità e la qualità delle fonti d'acqua. Ad esempio, negli anni piovosi, ci sono significativamente più focolai di fascioliasi, dictiocaulosi; la prolungata permanenza di bovini e cavalli sullo stesso pascolo contribuisce alla diffusione di varie infezioni da elminti. I fattori ambientali (in particolare gli animali, la loro condizione, la presenza di portatori, ospiti intermedi, ecc.) Che colpiscono i parassiti, determinano le caratteristiche epizootologiche di I. b. Di solito procedono sotto forma di enzootia. Estremamente importante in epizootologia I. b. Ha un portatore parassitario nel quale gli animali infetti non soffrono clinicamente, ma servono solo come fonte di diffusione dell'invasione.

Il danno economico causato da I. b. bestiame, si compone di perdite dalla morte di animali malati, declino quantitativo e qualitativo della loro produttività, così come i costi del trattamento e l'organizzazione di misure preventive. Il maggior danno da I. b. registrati tra i giovani animali da fattoria, in particolare gli uccelli. I. b. influenzare l'aumento della mortalità degli animali da altre malattie. L'elmintiasi indebolisce lo stato di immunità (ad esempio nei suini contro l'erisipela e la peste) e riduce la resistenza agli agenti patogeni di molte infezioni (ad esempio intestinali) e alle invasioni.

Per l'organizzazione di misure preventive contro I. b. è necessario conoscere le fasi di sviluppo dei parassiti e dei loro vettori, le caratteristiche di sviluppo e il corso di I. b. in relazione all'una o all'altra area geografica con lo stabilimento di focolai ?? serbatoi di invasione (tenendo conto dei tempi della comparsa di parassiti nella zona, portatori e ospiti intermedi, lo sviluppo dello stadio larvale e parassiti adulti), nonché la presenza di specie animali che hanno questi o altri parassiti. Misure per combattere I. b. animali da fattoria includono una serie di misure volte al recupero di massa degli animali ?? portatori di agenti patogeni di invasione, distruzione di portatori di artropodi e ospiti intermedi di parassiti e il rilascio dell'ambiente esterno (pascoli, edifici per il bestiame, letame, corpi idrici) dagli embrioni di parassiti. Alle misure per combattere I. b. includere la prevenzione generale (alimentazione adeguata e condizioni ottimali per mantenere gli animali nelle stanze e nei pascoli; isolare pascoli isolati per giovani stock; allevare gratuitamente tutto l'anno giovani stock; organizzare irrigazioni igieniche; neutralizzazione biotermica del letame; bonifica; snellimento delle condizioni igieniche dei territori di fattorie, pascoli, impianti di utilizzazione e siti per la macellazione) e misure speciali (chemioprofilassi, vermifugo, devastazione, disinvasione). Vedi anche Invasion e letteratura sotto questo articolo.

Dizionario enciclopedico veterinario. - M.: "Enciclopedia sovietica". Direttore capo VP Shishkov. 1981.

Scopri cosa è "INVASIVE DISEASES" negli altri dizionari:

MALATTIE INVASIVE - I pesci sono causati da parassiti di origine animale. Il nome di queste malattie è attualmente eseguito in piena conformità con la nomenclatura delle invasioni, sviluppata nel 1928 dagli scienziati sovietici K. I. Scriabin e R.S. Schulz, che...... Malattie dei pesci: un manuale

Malattie parassitarie - Malattie parassitarie, malattie umane e animali causate da protozoi parassiti degli animali (ad esempio, la malaria), acari (scabbia), crostacei (malattia di pesce), worm e altri... Moderna Encyclopedia

MALATTIE INVASIVE - malattie di esseri umani e animali causate da protozoi di parassiti animali (es. Malaria), artropodi (scabbia), crostacei (malattie dei pesci), elminti, ecc... Dizionario enciclopedico di grandi dimensioni

MALATTIE INVASIVE - malattie di esseri umani e animali causate da protozoi di parassiti animali (es. Malaria), artropodi (scabbia), crostacei (malattie dei pesci), elminti, ecc... Dizionario enciclopedico di grandi dimensioni

Malattie invasive - MALATTIE INVASIVE, malattie degli uomini e degli animali causate da protozoi di parassiti animali (per esempio, malaria), acari (scabbia), crostacei (malattie dei pesci), elminti e altri.... Dizionario Enciclopedico Illustrato

Malattie invasive - malattie di uomini e animali causate da protozoi di parassiti animali (per esempio, malaria), artropodi (scabbia), crostacei (malattie dei pesci), elminti, ecc. * * * MALATTIE INVASIVE MALATTIE INVASIVE, malattie umane e... Dizionario enciclopedico

malattie invasive - ▲ malattie infettive ↑ che, per causare (cosa), parassiti; malattie invasive; malattie causate da parassiti: parassiti di elmintiasi di origine animale; Finnoz, cistite. schistosomiasi. trichinosi. Trematodozy. Trichocefalia...... Il dizionario ideografico della lingua russa

malattie invasive - invazinė liga statusas T sritis ekologija ir aplinkotyra apibrėžtis ogamogaus, gyvūnų užkrečiamoji liga, kurią sukelia jų organizme ar kūno paviršiuje parazituojantys pirmuonys, helmintaiiiii'si,..irmjeysųkekeke k k k k pi pi kiii ys ke Skirstomos į pirmuonių...... Ekologijos terminų aiškinamasis žodynas

Le malattie invasive sono malattie degli uomini e degli animali causate dal parassitismo nei loro corpi di protozoi unicellulari, vermi, zecche e alcuni artropodi. A seconda del tipo di agente patogeno I. b. sono divisi in protozoi (protozoi patogeni),...... Grande Enciclopedia Sovietica

Le malattie invasive sono un gruppo di malattie che attualmente molti scienziati non riescono a isolare da quelle infettive (vedi Infezioni e Malattie Infettive)... Dizionario Enciclopedico FA Brockhaus e I.A. Efron

MALATTIE INVASIVE

malattie invasive, malattie parassitarie, malattie causate da parassiti di origine animale. A seconda della posizione tassonomica del parassita I. b. suddiviso in protozoi (causa protozoi), helmstozy (causa elminti), aracnosi (agenti patogeni aracnoidi, compresi gli acari), entomozy (causa insetti).

I. b. negli animali da allevamento, procedono in forma clinicamente espressa con significativa mortalità (piroplasmidosi, fascioliasi, dictya-colosi, ecc.) e in forma latente (latente). Ad esempio, le pecore ben nutrito, pazienti diktiokaulozom autunno (spesso fino alla primavera) segni clinici, e in primavera, quando il deterioramento di alimentazione e durante la gravidanza, a causa dell'esposizione al freddo e altri fattori di stress si manifestano i sintomi della malattia. Molti I. b. per lungo tempo si verificano con segni clinici lievi, e con invasione minore ?? nessun sintomo della malattia, ma con una diminuzione della produttività nei singoli animali. Quando ciò accade la sensibilizzazione dell'organismo ospite, accompagnata dallo sviluppo di reazioni allergiche. Sulla distribuzione di I. b. Le condizioni naturali hanno una grande influenza: clima, suolo, fauna e flora, la durata della stagione di pascolo degli animali, l'altezza del terreno sul livello del mare, l'umidità, la quantità e la qualità delle fonti d'acqua. Ad esempio, negli anni piovosi, ci sono significativamente più focolai di fascioliasi, dictiocaulosi; la prolungata permanenza di bovini e cavalli sullo stesso pascolo contribuisce alla diffusione di varie infezioni da elminti. I fattori ambientali (in particolare gli animali, la loro condizione, la presenza di portatori, ospiti intermedi, ecc.) Che colpiscono i parassiti, determinano le caratteristiche epizootologiche di I. b. Di solito procedono sotto forma di enzootia. Estremamente importante in epizootologia I. b. Ha un portatore parassitario nel quale gli animali infetti non soffrono clinicamente, ma servono solo come fonte di diffusione dell'invasione.

Il danno economico causato da I. b. bestiame, si compone di perdite dalla morte di animali malati, declino quantitativo e qualitativo della loro produttività, così come i costi del trattamento e l'organizzazione di misure preventive. Il maggior danno da I. b. registrati tra i giovani animali da fattoria, in particolare gli uccelli. I. b. influenzare l'aumento della mortalità degli animali da altre malattie. L'elmintiasi indebolisce lo stato di immunità (ad esempio nei suini contro l'erisipela e la peste) e riduce la resistenza agli agenti patogeni di molte infezioni (ad esempio intestinali) e alle invasioni.

Per l'organizzazione di misure preventive contro I. b. è necessario conoscere le fasi di sviluppo dei parassiti e dei loro vettori, le caratteristiche di sviluppo e il corso di I. b. in relazione all'una o all'altra area geografica con lo stabilimento di focolai ?? serbatoi di invasione (tenendo conto dei tempi della comparsa di parassiti nella zona, portatori e ospiti intermedi, lo sviluppo dello stadio larvale e parassiti adulti), nonché la presenza di specie animali che hanno questi o altri parassiti. Misure per combattere I. b. animali da fattoria includono una serie di misure volte al recupero di massa degli animali ?? portatori di agenti patogeni di invasione, distruzione di portatori di artropodi e ospiti intermedi di parassiti e il rilascio dell'ambiente esterno (pascoli, edifici per il bestiame, letame, corpi idrici) dagli embrioni di parassiti. Alle misure per combattere I. b. includere la prevenzione generale (alimentazione adeguata e condizioni ottimali per mantenere gli animali nelle stanze e nei pascoli; isolare pascoli isolati per giovani stock; allevare gratuitamente tutto l'anno giovani stock; organizzare irrigazioni igieniche; neutralizzazione biotermica del letame; bonifica; snellimento delle condizioni igieniche dei territori di fattorie, pascoli, impianti di utilizzazione e siti per la macellazione) e misure speciali (chemioprofilassi, vermifugo, devastazione, disinvasione). Vedi anche Invasion e letteratura sotto questo articolo.

Malattie invasive negli esseri umani

Le malattie invasive sono patologie causate da vermi parassiti. Queste malattie sono molto comuni e vengono diagnosticate in persone di categorie di età completamente diverse. Secondo i dati statistici, le infezioni parassitarie sono le seconde più comuni dopo le malattie respiratorie.

Caratteristiche di patologia e via d'infezione

Come accennato in precedenza, le malattie invasive derivano dall'ingresso di vermi parassiti nel corpo umano.

Le patologie invasive più comuni includono quanto segue:

  • ascariasis;
  • tenia - l'agente causale della patologia è la tenia bovina, la patologia per un lungo periodo di tempo può non manifestare alcun sintomo;
  • Enterobiasi - la patologia si verifica a causa dell'ingresso nel corpo di ossiuri. La malattia si manifesta principalmente con prurito nell'ano. La patologia provoca lo sviluppo di malattie come l'endometrite e la vulvovaginite;
  • teniarinhoz: questa patologia potrebbe non manifestarsi affatto per molto tempo. Provoca la malattia della tenia bovina, che entra nel corpo a causa di carne o pesce non sufficientemente tostato o bollito;
  • schistosomiasi.

Queste non sono tutte malattie che possono svilupparsi nel corpo umano a causa della penetrazione dei parassiti. Per quanto riguarda la sintomatologia delle patologie, i segni potrebbero non manifestarsi per un lungo periodo di tempo. Ciò complica enormemente il processo di diagnosi e rilevazione tempestive della malattia.

In generale, l'infezione da malattie parassitarie si verifica nei seguenti casi:

  • durante i morsi di insetti succhiasangue;
  • nel processo di contatto con animali infetti;
  • mangiando verdure, frutta ed erbe non lavate;
  • nel processo di non conformità con le regole di igiene personale;
  • l'uso di acqua non depurata e l'ingestione di acqua da fonti e serbatoi non controllati;
  • nel processo di nuoto in acque proibite;
  • durante il sesso non protetto.

Sintomi di parassiti

Come è stato detto prima, se il parassita entra nel corpo, può trascorrere un lungo periodo di tempo prima che compaiano i primi sintomi. Tra le altre cose, i sintomi, a seconda del tipo di parassita e le caratteristiche dell'organismo. La manifestazione dei sintomi è influenzata anche dall'età della persona infetta, nonché dal suo stato di salute. Fondamentalmente, i primi sintomi di infezione si manifestano in un momento in cui l'immunità si riduce nel corpo.

Molto spesso, i primi segni che indicano lo sviluppo di una malattia invasiva sono la febbre irragionevole, così come l'affaticamento, la debolezza e l'affaticamento costante.

Quando penetrano nel corpo umano, vari parassiti possono provocare determinate patologie, che possono essere accompagnate dai seguenti sintomi:

  • segni di intossicazione;
  • si verificano disturbi dispeptici del tratto gastrointestinale;
  • compaiono segni di emorroidi;
  • c'è una violazione delle feci;
  • può verificarsi una perdita parziale o completa della vista;
  • c'è una sensazione di pesantezza;
  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • appare il giallo della pelle;
  • può verificarsi sanguinamento addominale;
  • appaiono le cisti;
  • gonfiore della mucosa della vagina;
  • prurito e bruciore nella zona genitale;
  • dolore nel processo di minzione;
  • dolore durante i rapporti sessuali;
  • scarico vaginale verdastro accompagnato da sangue e un odore sgradevole;
  • premendo il dolore al petto;
  • tosse secca o purulenta.

Questi sono lontani da tutti i segni che possono indicare lo sviluppo di patologie che sono scatenate dall'infestazione di parassiti nel corpo umano.

Fai attenzione! La penetrazione di parassiti nel corpo è particolarmente pericolosa se una donna si prepara a diventare madre e infetta i bambini. In questi casi, la patologia può scatenare gravi complicazioni.

Quando compaiono i primi sintomi, è necessario contattare immediatamente un istituto medico. Dopotutto, la tempestiva diagnosi di malattia e il trattamento professionale prescritto sono la chiave per una pronta guarigione e l'esclusione dello sviluppo di possibili complicanze.

È severamente vietato impegnarsi nell'auto-trattamento, in quanto ciò potrebbe non solo essere inutile, ma anche causare un ulteriore sviluppo della patologia e l'insorgenza di conseguenze pericolose per la vita e per la salute.

Diagnosi e trattamento delle malattie parassitarie

La diagnosi tempestiva è la chiave per un trattamento efficace. Per diagnosticare la malattia nel tempo e scoprire le cause della sua insorgenza, è necessaria una serie di esami. Sono come segue:

  • esame generale prescritto di sangue e urine;
  • immunodosaggio immunologico e enzimatico;
  • esame a raggi X;
  • coprogram;
  • analisi delle feci per la presenza di parassiti;
  • strisci cervicali e vaginali;
  • Diagnostica della PCR;
  • ultrasuoni;
  • ECG;
  • EEG.

Dopo che il medico avrà ottenuto tutti i risultati della ricerca, sarà in grado di fare la diagnosi corretta e determinare la causa che ha provocato la malattia. Successivamente, il medico selezionerà un trattamento efficace in base all'età del paziente, allo stadio della malattia e alle caratteristiche individuali dell'organismo.

Il trattamento della malattia invasiva dovrebbe essere principalmente volto ad eliminare i sintomi della malattia, così come la distruzione dei parassiti e la loro rimozione dal corpo.

Oltre all'uso di droghe, il paziente deve seguire una dieta rigorosa. Per trovare un menu adatto, è meglio cercare l'aiuto di un nutrizionista, che non solo farà un menu vario a seconda di quali prodotti sono consentiti per una particolare malattia.

Oltre al trattamento farmacologico e alla dieta, si raccomanda al paziente di usare la medicina tradizionale e la fitoterapia. Le ricette e i farmaci più utili per questo possono consigliare il medico curante.

In alcune situazioni, al fine di sbarazzarsi della patologia, l'unica soluzione è la chirurgia. Oggigiorno, grazie ai moderni metodi e attrezzature, è possibile sbarazzarsi della malattia con un intervento chirurgico con meno problemi e complicazioni per il corpo.

Prevenzione delle malattie invasive

Che cosa sono le malattie invasive e come diagnosticarle, abbiamo capito insieme a te e quali metodi di trattamento sono usati per sbarazzarsi della patologia. Ora scopriamo come cercare di prevenire l'infezione.

I parassiti che penetrano nel corpo umano sono stati studiati per molto tempo e, grazie a questa ricerca e ai metodi moderni per affrontarli, il trattamento delle malattie invasive è ora a brevissimo termine ed efficace. Quando compaiono i primi sintomi, dovresti cercare immediatamente un aiuto medico e la cosa migliore è cercare di prevenire l'infezione in anticipo. Per fare ciò, devi seguire una serie di regole specifiche, che sono le seguenti:

  • Tutti gli animali domestici dovrebbero essere sistematicamente preoccupati e dovrebbero essere fatti almeno due volte l'anno;
  • Prima di mangiare verdure e frutta, così come i verdi, tutti i prodotti devono essere accuratamente lavati con acqua calda;
  • si dovrebbe sempre bere solo acqua bollita o purificata, e anche cercare di prevenire l'eventuale ingestione di acqua da corpi idrici nel processo di balneazione;
  • prima di mangiare carne e pesce, deve essere sottoposto a un trattamento termico approfondito;
  • obbligatorio deve seguire le regole quotidiane di igiene personale;
  • distruggere nella famiglia di tutti gli insetti che sono portatori di infezioni;
  • non nuotare negli stagni nei quali è vietato farlo;
  • lavati accuratamente le mani prima di mangiare, questo deve essere fatto anche dopo ogni uso del bagno e cammina all'esterno;
  • avere un solo partner sessuale comprovato;
  • Evita rapporti intimi promiscui e rapporti sessuali non protetti con un partner non verificato.

Oltre a tutte le suddette regole, i farmaci antielmintici dovrebbero essere assunti due volte l'anno come profilassi. Aiuterà anche il medico a prenderli, poiché è severamente vietato prendere questi farmaci senza prima consultare il proprio medico. Solo un medico specializzato nella diagnosi e nel trattamento di tali infezioni può, sulla base delle caratteristiche individuali dell'organismo, prescrivere farmaci. Inoltre, si dovrebbe assolutamente seguire il dosaggio raccomandato dal medico e in nessun caso sostituirli in modo indipendente con analoghi.

conclusione

I parassiti capaci di provocare lo sviluppo di malattie invasive ci circondano ovunque e rappresentano un grande pericolo per il corpo umano. Possono provocare patologie e complicazioni piuttosto gravi. Pertanto, è molto importante monitorare da vicino la vostra salute e quando appaiono i primi sintomi, è assolutamente necessario cercare immediatamente l'aiuto di un istituto medico. La diagnosi e il trattamento tempestivi sono fondamentali per una pronta guarigione. In nessun caso deve auto-medicare, in quanto ciò può solo aggravare la situazione e causare complicazioni.